Natale scettico – Jules Laforgue


È Natale… Natale?… Notte: uno scampanio
lontano… La mia penna, senza fede, sul foglio
cade. I ricordi cantano: dilegua, ecco, l’orgoglio,
e la tristezza permea tutto l’essere mio… Ah, voci della notte; ricantano: «È Natale»;
da laggiù, dalla chiesa che s’accende all’interno
m’arriva come un dolce rimprovero materno,
e il cuore mi si gonfia tanto da farmi male… È notte. Ascolto a lungo quel suono di campane…
O famiglia dei vivi, ecco, sono il tuo paria
nel cui stambugio a tratti giungono sopra l’aria
le voci d’una festa, commoventi e lontane…

Jules Laforgue

16851353_natale-scettico-jules-laforgue-0

4 risposte a “Natale scettico – Jules Laforgue

  1. Cara Patrizia, questi auguri sono adeguati al tempo di oggi: auguri un pò mesti, scettici, dice il titolo della poesia, ma veri.
    Il tuo cuore, lo so, ha avuto un pò di ritrosia a mostrare l’allegria sguaiata, non vera, di tante postcard di questi giorni.
    Ma so anche che hai il piacere sincero di salutare gli amici di qui, di questo strano mondo semi-reale.
    Ed io ti abbraccio stretta, per come si può fare di qui, e ti faccio i miei auguri sinceri.

    Piero

  2. Grazie Paola, ricambio con affetto i tuoi auguri

  3. E’ Natale, nonostante tutto, cara Patrizia…. Auguro a te e famiglia tanta pace e serenità di spirito , con un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...