Altri Amori


LOLA

Che cosa può nascere dall’incontro tra una bambina e una palletta di pelo nero?

L’esplosione di un desiderio tenuto al caldo per tanto tempo, per quanto possa essere tanto, il tempo di una bambina.
Quel desiderio esplose nell’esatto istante in cui gli sguardi s’incrociarono e si frantumò nelle migliaia di giorni che seguirono.
Tredici anni sono tanti in termini di quantità temporale, ma possono trascorrere velocemente quando sono riempiti d’amore.
Lola aiutò quella bambina a crescere e ad imparare che l’amicizia è una meravigliosa forma d’amore, che è fatta di sorrisi, di giochi, di benessere ma anche di  responsabilità, di condivisione, di cura verso chi si ama.  E le insegnò che i sentimenti non sono privilegio degli esseri umani.
Lola fu esuberante ed instancabile compagna di giochi.

Poi diventò confidente e amica consolatrice, custode silenziosa di lacrime e sorrisi e quando il tempo stava quasi per finire, la bambina, ormai cresciuta, aveva imparato la cosa più importante: che l’amore non ha etichette.
Si dona e si riceve al di là dell’appartenenza.
Negli ultimi anni, l’amore si fece più difficile. La cura ora spettava a lei, a lei la parte più difficile.
Ma quello era l’amore…

DICK

Conobbe da subito l’altra faccia dell’uomo: la cattiveria e per questo credo, conservò sempre un velo di tristezza e di timore nello sguardo.
Dolcissimo amico fu per me nel breve tempo che ci regalammo. Il male subìto lo aveva minato nel fisico e mi lasciò dopo solo tre anni. Se ne andò all’improvviso, in silenzio, senza disturbare, così come sempre aveva vissuto.


CHARLIE

“Questo ci farà morire” fu il mio primo pensiero, quando lo vidi uscire dal box del canile in compagnia della volontaria.
Era un cucciolo di otto mesi, ma aveva già lo sguardo fiero e sicuro del “bulletto di quartiere” Mi venne incontro con l’andatura baldanzosa, mi annusò con circospezione, ma un attimo dopo avevo già le sue zampe al petto e il suo naso sulla faccia.
L’impressione si rivelò esatta: i primi mesi non furono facili e ne combinò di tutti i colori. Rivoltò completamente l’orto che mio padre aveva pazientemente allestito, fece sparire tutte le borchie di plastica dagli infissi delle porte-finestre, ridusse il prato un colabrodo e mordeva tutto quello che gli capitava a tiro.
“Ricordati che è un cucciolo, nonostante la taglia, è un cucciolo” mi ripetevo. E come con tutti i cuccioli,  la fermezza e la  dolcezza diedero i risultati sperati. Divenne più tranquillo ma conservò sempre il suo carattere deciso.
Con lui sperimentai quello che avevo sentito raccontare tante volte ma che non avevo mai toccato con mano fino in fondo: la sintonia di pensiero.
Io pensavo e lui percepiva. Io stavo per arrivare e lui cominciava ad agitarsi prima ancora che fossi nelle vicinanze.  E la difesa ad oltranza.
L’unica volta che lo vidi con le labbra alzate e con un ringhio da brivido, fu in occasione di un alterco con un automobilista che quasi ci investiva sulle strisce. Pretendendo di avere ragione, scese dall’auto e si avviò verso di noi gesticolando e inveendo.
Fu un attimo e il cane pacifico e giocherellone che conoscevo, si trasformò in puro odio. Lo trattenni a stento e il gentile signore pensò bene di girare velocemente sui tacchi .

Pagava l’aspetto imponente con poche coccole da parte di chi incontrava. Lui avrebbe voluto giocare e strofinarsi con tutti, ma tutti si scansavano… In realtà era di una bontà infinita. Dimostrazione che il più delle volte, l’apparenza inganna.
La nostra amicizia durò nove anni, poi una malattia se lo prese. Quando cominciò a soffrire, optai per l’eutanasia. Rimasi con lui e si addormentò tra le mie braccia.


2 risposte a “Altri Amori

  1. Ciao Patrizia, che bello leggere queste storie, piene di amore, quello vero, quello bello! Tornata dopo un periodo di stanchezza, mi auguro di essere presente nel futuro:
    Con affetto 🙂
    Lucia

  2. Sentimenti vivi e dolorosi.
    Non aggiungo niente alle tue parole.
    Solo un abbraccio forte forte.
    Al prossimo amico!

    Piero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...