Nascosto agli occhi


S’interrompe, per caso o per fortuna
il quotidiano traghettare tra le opposte sponde
e la prima
quella che odora d’inevitabile
perde consistenza. 
E’ allora che mi fermo
dove non dovrei essere
e spio 
come sono le stanzein mia assenza.
© Patrizia.M.
occhio

2 risposte a “Nascosto agli occhi

  1. La tua chiave di lettura questa volta mi prende alla sprovvista. Non ci avevo proprio pensato al papa… Ma va bene così, lo sai..

    Parli di vortice, e a ragione. A volte ho davvero l’impressione di vivere in un mondo che gira troppo in fretta e il senso di vertigine spesso, mi provoca anche un po’ di sgomento. Non so dove porterà tutto questo girare ma spero tanto che quando rallenteremo le cose saranno migliori..
    Amico mio, io credo di aver compreso il tuo carattere positivo ed entusiasta, seppur realista, Non a caso anche qui, ora, usi parole positive. Parole che inducono alla possibilità e che sono specchio fedele di ciò che tu sei.
    Io lo sai, faccio un po’ fatica a seguirti in questa prospettiva sul mondo anche se ci provo, arrancando un po’ ma ci provo… Te l’ho detto, non ho ancora lasciato cadere le braccia…
    Un grande abbraccio

  2. Non so, ma inevitabilmente il mio pensiero va alla notizia del giorno, al gran rifiuto del papa.
    … Mi piace lo spiare le stanze mentre non ci siamo… è come quel detto che dice “vorrei farmi mosca per vedere …”
    Chissà.
    Benedetto, intanto, ritornerà ad essere Joseph.
    E l’infallibilità ritornerà fallace.
    La parola ritornerà silenzio.
    Il gesto si fermerà, sospeso, fuori dal tempo.
    Anche lo Spirito Santo tornerà a volare.
    Forze immense ed incommensurabili sono state messe in moto, in questo strano giorno di storia.
    Chissà dove e cosa ci porteranno.

    Non hai la sensazione anche tu che la giostra stia girando vorticosamente?
    Non trovi che poi, a parte il senso di vertigine e un pò d’impressione, sia un grande privilegio poter guardare il grande spettacolo che si svolge sul della storia da un posto così panoramico come quello dei nostri giorni?
    Aprire una pagina d’informazioni, oggi, può essere come entrare improvvisamente in un romanzo fantastico.
    No, anzi, che dico?
    Nessun romanzo fantastico, per quanto buono possa essere, potrebbe avere una trama come quella che stiamo vivendo in questi nostri anni.
    Lo dico non per fare lo sbruffone, ma per cercare un pò di consapevolezza.

    Un abbraccio,
    Piero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...