Auguri!


11254608-decorazioni-di-natale-un-rosso-e-oro-glitter-oro-bauble-bordata-nastro-rosso-bacche-smerigliate-e-ungif_natale_08

 

 

 

 

 

 

 

 

Prontuario per il brindisi Capodanno ( Erri De Luca, L’ospite incallito, Einaudi, Torino, 2008

Bevo a chi è di turno, in treno, in ospedale, cucina, albergo, radio, fonderia, in mare,
su un aereo, in autostrada,
a chi scavalca questa notte senza un saluto,
bevo alla luna prossima, alla ragazza incinta,
a chi fa una promessa, a chi l’ha mantenuta,
a chi ha pagato il conto, a chi lo sta pagando,
a chi non è invitato in nessun posto,
allo straniero che impara l’italiano,
a chi studia la musica, a chi sa ballare il tango,
a chi si è alzato per cedere il posto,
a chi non si può alzare, a chi arrossisce,
a chi legge Dickens, a chi piange al cinema,
a chi protegge i boschi, a chi spegne un incendio,
a chi ha perduto tutto e ricomincia,
all’astemio che fa uno sforzo di condivisione,
a chi è nessuno per la persona amata,
a chi subisce scherzi e per reazione un giorno sarà eroe,
a chi scorda l’offesa, a chi sorride in fotografia,
a chi va a piedi, a chi sa andare scalzo,
a chi restituisce da quello che ha avuto,
a chi non capisce le barzellette,
all’ultimo insulto che sia l’ultimo,
ai pareggi, alle ics della schedina,
a chi fa un passo avanti e così disfa la riga,
a chi vuol farlo e poi non ce la fa,
infine bevo a chi ha diritto a un brindisi stasera
e tra questi non ha trovato il suo.

5 risposte a “Auguri!

  1. La grande Wislawa Szymborska, come non riconoscerla? 🙂
    In questo periodo di regali effimeri (forse quest’anno un po’ meno…) una poesia così può solo far bene all’anima..
    Grazie per avermela regalata oggi.
    Un abbraccio

  2. Cara Patrizia,
    giorni di regali, come quelli che anche tu fai a noi, con le poesie, bellissime, di Erri De Luca.
    E allora, ecco, soccorrono le parole di un’altra grande voce parlante (chiamiamoli cosi, non poeti, che sembra brutto. Voci parlanti. Perchè, spesso, le voci non è che parlino. Spesso fanno solo rumore, confusione, chiasso…)

    NULLA E’ IN REGALO

    Nulla è in regalo, tutto è in prestito.
    Sono indebitata fino al collo.
    Sarò costretta a pagare per me
    con me stessa,
    a rendere la vita in cambio della vita.
    E’ cosi che stanno le cose,
    il cuore va reso
    e il fegato va reso
    e ogni singolo dito.
    E’ troppo tardi per impugnare il contratto.
    Quanto devo
    mi sarà tolto con la pelle.
    Me ne vado per il mondo
    tra una folla di altri debitori.
    Su alcuni grava l’obbligo
    di pagare le ali.
    altri dovranno, per amore o per forza,
    rendere conto delle foglie.
    Nella colonna dare
    ogni tessuto che è in noi.
    Non un ciglio, non un peduncolo
    da conservare per sempre.
    L’inventario è preciso
    e a quanto pare
    ci toccherà restare con niente.
    Non riesco a ricordare
    dove, quando e perché
    ho permesso di aprirmi
    quel conto.
    Chiamiamo anima
    la protesta contro di esso.
    E questa è l’unica cosa
    che non c’è nell’inventario.

    Dimmi un pò, amica cara, hai indovinato di chi è questa voce ?

    Piero

    PS. Ovviamente, Augurissimi anche a te.

  3. Carissimi auguri di Buone Feste!
    Un abbraccio

  4. Ciao e tanti cordialissimi auguri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...