Non voglio mimose


Non voglio mimose
nè un giorno per ricordarti
che sono

Voglio avere milioni di nomi
per disegnare lo stesso sorriso
e parole rotonde
da lanciare in cielo.

Voglio piedi senza scarpe
per percorrere ogni strada
danzando

e fiori rossi da cogliere
in ogni tuo sguardo.

© Patrizia. M.

8 risposte a “Non voglio mimose

  1. delicatamente bella. grazie a nome di tutte le donne che si riconoscono 🙂

  2. Vengo da Paola e condivido il suo pensiero.

  3. Grazie mille a te: buon pomeriggio

  4. Arrivo in ritardo Patrizia, sempre in tempo per leggere i tuoi versi pieni di pensieri profondi!
    Un saluto 🙂
    Lucia

  5. Condivido la tua poesia al 100%, e se vedi i miei post degli anni passati su questa giornata, oramai passata, capisci il perché!!!
    Vorrei poterla postare nel mio blog, “Fiori del mio giardino” ma, aspetto il tuo permesso…
    Ti abbraccio affettuosamente

  6. Guarda cosa ti regalo, non una mimosa.
    E poi non dire che non ti viglio bene.
    Un caro saluto.
    Piero

    Possibilità

    di Wislawa Szymborska

    Preferisco il cinema.
    Preferisco i gatti.
    Preferisco le querce sul fiume Warta.
    Preferisco Dickens a Dostoevskij.
    Preferisco me che vuol bene alla gente, a me che ama l’umanità.
    Preferisco avere sottomano ago e filo.
    Preferisco il colore verde.
    Preferisco non affermare che l’intelletto ha la colpa di tutto.
    Preferisco le eccezioni.
    Preferisco uscire prima.
    Preferisco parlar d’altro coi medici.
    Preferisco le vecchie illustrazioni a tratteggio.
    Preferisco il ridicolo di scrivere poesie, al ridicolo di non scriverne.
    Preferisco in amore gli anniversari non tondi, da festeggiare ogni giorno.
    Preferisco i moralisti che non promettono nulla.
    Preferisco una bontà avveduta a una credulona.
    Preferisco la terra in borghese.
    Preferisco i paesi conquistati a quelli conquistatori.
    Preferisco avere delle riserve.
    Preferisco l’inferno del caos all’inferno dell’ordine.
    Preferisco le favole dei Grimm alle prime pagine.
    Preferisco foglie senza fiori che fiori senza foglie.
    Preferisco i cani con la coda non tagliata.
    Preferisco gli occhi chiari perché li ho scuri.
    Preferisco i cassetti.
    Preferisco molte cose che qui non ho menzionato
    a molte pure qui non menzionate.
    Preferisco gli zeri alla rinfusa che non allineati in una cifra.
    Preferisco il tempo degli insetti a quello siderale.
    Preferisco toccar ferro.
    Preferisco non chiedere per quanto ancora e quando.
    Preferisco considerare persino la possibilità
    che l’essere abbia una sua ragione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...