Solo un gioco


E’ solo un gioco. La rima non è il mio forte ma questa “cosa” è nata così: dall’emozione  regalata da un fiore meraviglioso e dalle note di “Inverno” di De Andrè che la radio trasmetteva.  Casuale abbinamento che mi ha indotto a scrivere queste righe, chiedendo umilmente e sinceramente perdono a Fabrizio, che sono certa, comprenderà…

Farfalla d’argento

Sazi i miei occhi, di bronzo e rame
padroni indomiti del mio reame
non si aspettavan, la lieve brezza
il candore argenteo di una carezza.

Ma tu che vivi un sogno perso
nell’alba rosa di un cielo terso
mi lasci in dono, il timor del tocco
di un volo lieve, senza ritorno.

© Patrizia.M

4 risposte a “Solo un gioco

  1. Pingback: Deja vu | Il mio angolo

  2. Ogni tua parola esprime il senso di quel volo lieve che si confonde tra amore e vita.

    Un caro saluto colmo di gratitudine per le emozioni che riesci a risvegliare.

    Francesco

  3. Se lievità ti è giunta come sensazione, ne sono felice. perchè era proprio quello che volevo trasmettere-
    Grazie! 🙂

    Grazie anche a te Tony, per la tua costante presenza. L’apprezzo molto, credimi.
    buona giornata

  4. Questi versi, si librano in volo con battiti lievi che sfiorano
    l’anima di chi legge.

    Ti abbraccio
    Gina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...