Sotto la cera


Ho tolto le scarpe e mi sono seduta,
arresa ai passi che andavano
senza voltarsi indietro.

Ho chiuso le mani alla cenere,
coprendo le urla dai pulpiti
con l’ombra netta dell’indifferenza.

Ma una crepa sul muro rimane
perchè ancora credo, perchè ancora piango
sulle parole maltrattate

e mi odio per questo
perchè non so difendere me e loro.

Patrizia.M.


2 risposte a “Sotto la cera

  1. Trovo questo pezzo molto forte e leggermente scostato dalle precedenti tue, almeno questa è l’impressione.

  2. Ciao, mi ha fatto piacere trovarti da me! il mio blog principale però è Mondo di Paola; negli altri due sono molto poco presente. La poesia è tua? è molto belle e profonda.
    Ti lascio il mio saluto e ti auguro una serena giornata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...